For a better experience on MUBI, update your browser.

Ratings & Reviews

  1. Il secondo maestro del revolver's rating of the film Torneranno i prati

  2. Alvise Narduzzi's rating of the film Torneranno i prati

    Lento, prevedibile e piatto, sia nei dialoghi che nella regia. La tristezza in cui è immersa la pellicola risulta troppo pesante anche per un soggetto così drammatico, portando lo spettatore allo sfinimento totale, distruggendo qualunque tipo di pathos. La recitazione, escluso Santamaria, è così brutta da non trasmettere nulla a chi guarda, al punto che persino l'arrivo dei tedeschi non riesce a smuovere gli animi.

  3. Giacomo Confortin's rating of the film Torneranno i prati

    La merda della merda della merda!

  4. José Neves's rating of the film Torneranno i prati

    A beautiful kammerspiel on the foolishness of the world and its impassibilty, whose narrative becomes possible because its existential pain inhabits in "sotto voce" an anti-epic where the moon observes the men as in an Oliveira film. A forming tale of decomposition, maturation and renewal, where memory is elaborated as a poetic chant, in its double sense, sung in a space that will forget it.

  5. Fabio Ornelas's rating of the film Torneranno i prati

    silence can be noisier than explosions.

  6. Sancar Seckiner's rating of the film Torneranno i prati

    http://cineuropa.org/nw.aspx?t=newsdetail&l=en&did=280488

  7. Peter's rating of the film Torneranno i prati

    A really powerful and honest film about war. Olmi manages to show the grim reality of what is happening, while at the same time he is able to incorporate some beautiful moments of grace and lyricism. It is a great achievement, the way the is able to pack so much in to a relatively short film-life, death, God and the humanity of the individual. He shows how trauma and beauty co-exist.

  8. affasf's rating of the film Torneranno i prati

    The trench is a fetal position that suspends existence in a quivering surrogate of life. The other fellow man is an oscillating lucor, relegating coalition to a forgotten hole blown up like the frail nationalism vaporized in the snow. Pierced by the glacial wind, the soldiers realize a bell-ringing anathema: “we die in the absence”.

  9. Enrico Gaudenzi's rating of the film Torneranno i prati

    Mah... per ora la delusione dell'anno [insieme a Nolan]: un Maestro del cinema italiano che usa una ricca kermesse di stereotipi sulla Grande Guerra per raccontare una storia piena di tracce inutilizzate fa quasi male al cuore. Si salvano gli ambienti, la fotografia e i costumi. E come non amare i titoli di testa (vagamenti ispirati a quelli di Monicelli)? Arideteci i film pacifisti degli anni Trenta piuttosto.

  10. alice's rating of the film Torneranno i prati

    La bellezza dei paesaggi, martoriati dai segni della guerra, risulta solo più dolente (quasi sanguinante), non mortificata. Il racconto di Olmi è il racconto dell'attesa sfiancante dell'attacco di un nemico invisibile (e il pensiero corre subito a "Il deserto dei Tartari"); l'impostazione teatrale colora la sua narrazione per immagini di una sobrietà spoglia e tesissima (peccato solo per la recitazione inadeguata).