For a better experience on MUBI, update your browser.

I migliori film visti nel 2015

by Dries
I migliori film visti nel 2015 by Dries
Dopo i flop del 2015 ecco quelli che reputo i migliori, quelli che magari non saranno capolavori nel senso classico del termine ma che sicuramente mi sono rimasti dentro maggiormente, mi hanno emozionato,divertito,inquietato e dato da pensare per giorni… Comincio con una menzione d’onore rapida a tutti quei film BELLI ma che per svariate ragioni non me la sono sentito di inserire in lista : The little death ( 2014 Josh Lawson) L ( 2012 babis makridis) Friss levego ( 2006 Agnes Kocsis ) Honeymoon ( 2014 Leigh Janiak ) Tusk ( 2014 kevin smith ) Medeas ( 2013 andrea pallaoro) Jean dielman …( 1975 chantal akerman) O’ fantasma ( 2000 J.P.… Read more

Dopo i flop del 2015 ecco quelli che reputo i migliori, quelli che magari non saranno capolavori nel senso classico del termine ma che sicuramente mi sono rimasti dentro maggiormente, mi hanno emozionato,divertito,inquietato e dato da pensare per giorni…

Comincio con una menzione d’onore rapida a tutti quei film BELLI ma che per svariate ragioni non me la sono sentito di inserire in lista :

The little death ( 2014 Josh Lawson)
L ( 2012 babis makridis)
Friss levego ( 2006 Agnes Kocsis )
Honeymoon ( 2014 Leigh Janiak )
Tusk ( 2014 kevin smith )
Medeas ( 2013 andrea pallaoro)
Jean dielman …( 1975 chantal akerman)
O’ fantasma ( 2000 J.P. rodrigues)
Shultes ( 2008 Bakur Bakuradze)
The devil and daniel Johnston ( 2005 JEFF FEUERZEIG )
Harmful Insect (AKIHIKO SHIOTA 2001 )
Malaventura ( 2011 Michel lipkes )
Post mortem ( 2010 pablo larrain )
Wrong Cops ( 2013 quentin dupieux )
Workers ( 2013 Luis Valle )
Gia panta ( Margarita Manda 2014 )
L’odore della notte ( C, Caligari 1998 )
Los muertos ( 2004 lisandro alonso)
4:30 ( royston tan 2005)
Natural History ( james benning 2014)
Stray Dogs ( tsai ming liang 2014)
Samsara ( ron fricke 2011)

Sicuramente ne avrò dimenticato qualcuno ma questi sono quelli che maggiormente meritano di essere recuperati…e ora…si comincia con la top 19 ( found non riesco a inserirlo in lista mannaggiacristo, sono impedito)

19- TRANSFATTY LIVES : il migliore tra i film visti quest anno al MIFF, un documentario su una persona ECCEZIONALE, tecnicamente non eccelso come altri titoli in lista ma per una volta ho voluto lasciare il cinema da parte per fare posto ad una storia incredibile che merita di essere sentita e raccontata e cioè quella del regista patrick o’brian che ha girato praticamente da solo un documentario sulla sua vita da malato di sclerosi multipla, con tutte le difficoltà del caso e malgrado gli resti pochissimo da vivere ,pur di lasciare al mondo ( e a suo figlio) una testimonianza di quella che è stata la sua vita. DEVASTANTE

18- BUTTER ON THE LATCH : una graditissima sorpresa scoperta grazie all’amico VIS, un horror psicologico criptico e inquietante che segna il debutto della promettentissima Josephine Decker, un nome da annotarsi sicuramente.

17- FOUND : l’esordio di Scott Schirmer è un horror coi controcazzi come raramente se ne sono visti ; semplice, crudo,cattivissimo , con un finale allucinante che lascia impietriti come fu per serbian film ai tempi.

16- HOW TO DISAPPEAR COMPLETELY : onestamente mi aspettavo molto di più, il film è in classifica solo perchè la soundtrack è interamente curata dal mio pupillo Eydress che da solo regge l’intero film . L’incipit è magnifico e quando è partita Nature trips in chiusura sono stato colpito da esaltazione mistica.

15- STO LYKO : uno dei migliori film ( se non il migliore) prodotto dalla new wave greca. Cupo, minimale e senza speranza, con un finale apocalittico che rientra di diritto nella top 10 dei migliori finali mai visti.

14- RESOLUTION : Vederlo davanti a raya martin e a sto lyko potrà sembrare inusuale ma ho voluto premiare un film al quale non avrei dato 1 centesimo e che invece si è rivelato un sorpresone . Toni da horrorino indipendente fino a metà film, poi diventa sempre più criptico fino ad arrivare ad un finale metacinematografico/metafisico che mi ha veramente lasciato di stucco. Di Moorhead & Benson consiglio di recuperare pure Spring, non l’ho messo in lista perchè mi sentivo troppo gay.

13- Faults : Non c’è un cazzo da fare, adoro i film grotteschi che partono con toni comici ed evolvono in tragedia.
Questo è uno dei migliori nel suo genere e lo rivedrei allo sfinimento.

12- DRUG WAR : l’ultimo film di Jhonnie To è una bomba, cento volte meglio dei più blasonati Election ed Exiled
Probabilmente il miglior film d’azione mai visto con personaggi epocali ( i 2 sordomuti su tutti) e un finale di raro pessimismo.

11- LA SIRGA : Cupo, mortifero, apocalittico. La protagonista Alicia diventa metafora di un paese (la colombia) senza futuro e senza speranze.

E ORA SI ENTRA NELLA TOP 10…

10- NON SI UCCIDONO COSì ANCHE I CAVALLI ? : con colpevole ritardo sono riuscito a recuperare il capolavoro di Sydney pollak e mai come stavolta l’attesa è stata ripagata. Tristezza a palate che culmina in un finale meraviglioso, attualissimo nonostante sia stato girato 50 anni fa

9-TONY MANERO : indeciso fino all’ultimo se mettere questo o Post mortem in lista, alla fine ha vinto Tony perchè anche se ha un finale meno potente è più grottesco e fluido. PUGNI NELLO STOMACO A GO-GO

8-HYENA : nel suo genere è un capolavoro, per farvi capire quanto cazzo mi ha gasato sto film posso dirvi che se ci fosse un film sulla serie THE SHIELD sicuramente assomiglierebbe a questo. Ancora rimpiango il fatto che i diritti del romanzo FILTH di welsh siano finiti in mano a quel coglione di Baird e non a Jhonson…

7-HARMONY LESSON : non amo molto i film di questo genere ma qui si viaggia su livelli di minimalismo eccezionali e un paio di sequenze ( la sedia elettrica per scarafaggi, lo sbudellamento della pecora e il ’’finale’’ psichedelico nella sala giochi ) sono di una potenza unica. Peccato per il finale vero e proprio ma dopo cotanta bellezza ho chiuso un occhio.

6- NOCHE ADENTRO : unico cortometraggio presente in lista ma di una potenza tale da sotterrare tutti i lunghi di cui ho parlato fin ora. Il giorno che Lamar si metterà a fare lungometraggi fliegauf potrebbe scendere dal podio dei miei pupilli.

5- REALITE : chiariamo subito ( per chi non lo sapesse) che ho un debole per Quentin Dupieux e che tutto quello che fa per me rasenta la genialità assoluta. Realitè è la summa di tutto il suo cinema nonsense, quasi una parodia del Lost Highway di Lynchiana memoria che tiene incollati allo schermo e che a fine visione vi farà fondere il cervello.
Da sottolineare la presenza nel cast di quel pirlone di John Heder ( napoleone dynamite) che a me fa sempre pisciare addosso ( anche qui fa la parte del mezzo ritardato <3 )

4- PAL ADRIENN : potrei stare ore a parlare di questo film ( e prossimamente lo farò su AW quando rilascerò i sub ita ) ,il cinema di Agnes Kocsis per me è straordinario, è pregno di solitudine e malinconia come mai mi è capitato di vedere . Certo, artisti come bartas o Tsai ming liang hanno affrontato meglio l’argomento ma i film di Agnes sono talmente realistici e quotidiani che ti ci immedesimi in ogni singola scena e ti lasciano sempre quel retrogusto di beffa e di rassegnazione al proprio destino che lascia davvero il segno. Eva gabor e il suo personaggio Piroska fedor me li porterò sempre nel cuore. Volevo farlo arrivare più in alto ma ora ci sono 3 mostri sacri…

3 LA DISTANCIA : una delle visioni più folgoranti dell’anno, già FINISTERRAE mi aveva stregato ma qui Caballero si è superato raddoppiando la dose di weird e di mistero in un film che va a toccare tasti ignoti del subconscio e riesce a divertire e inquietare al tempo stesso senza farti capire perchè.
Ai suoi detrattori cito testuali parole del buon sergio : ‘’la gente è incasellata, vuole che le si spieghino le cose e non dover pensare. La distancia è un luogo, esiste nella mia testa e lo mostro. ’’ Andatevene affanculo, lunga vita a caballero <3

2- VERANO DE GOLIAT : tra documentario e fiction , pereda disegna un affresco IPERREALISTICO della vita nei bassifondi messicani . Funereo e senza vie di fuga VDG mostra che si può perdere tutto pure quando non si ha più niente da perdere, vedere per credere gli IMMENSI 10 MINUTI FINALI, con ogni probabilità la sequenza più impressionante e incisiva mai vista in vita mia dai tempi di Japon di Reygadas.

1- LEVIATHAN : immersi nel buio più totale assistiamo alla morte meccanica che avanza inesorabile , l’essere umano, la natura, il progresso tecnologico sono solo facce della stessa medaglia insanguinata. Resta solo da contemplare l’ineluttabilità della fine attraverso gli occhi vitrei del pesce squartato, prima che un onda porti via tutto.

Read less